Tu sei qui: Home Sala Stampa Sulla costa teramana si torna a “vogare contro la violenza”; due giovani donne dalla carriera straordinaria le testimonial: la teramana Sabrina Tarquini e la chietina Carla Angelucci.
Azioni sul documento

Sulla costa teramana si torna a “vogare contro la violenza”; due giovani donne dalla carriera straordinaria le testimonial: la teramana Sabrina Tarquini e la chietina Carla Angelucci.

creato da Ufficio Stampa
Info
pubblicato 01/08/2022 15:07

Questa mattina al Circolo Nautico di Giulianova la presentazione dell’iniziativa arrivata alla quarta edizione e curata dalla Commissione Pari Opportunità della Provincia in collaborazione con le CPO comunali e con l’Associazione “Uomini, donne ed eroi del mare” di Gabriele Palestini.

Teramo 1 agosto 2022. Dopo ogni regata “si rivolge a noi una donna vittima di violenza” la testimonianza della Cpo del Comune di Giulianova racchiude il senso di una manifestazione corale arrivata alla quarta edizione con una partecipazione di persone, associazioni e Istituzioni davvero imponente. Centinaia le imbarcazioni a remi, dal canotto ai pattini ma si vedono anche le vele che il 7 agosto coloreranno il tratto teramano del mare Adriatico per dire “no alla violenza contro le donne” promuovendo i servizi antiviolenza della Provincia: La Fenice e Casa Maya.

 

“Remiamo insieme contro la violenza sulle donne. La costa teramana unita per una battaglia di civiltà” è stata presentata questa mattina, come tradizione, al Circolo Nautico di Giulianova dai suoi promotori, la Commissione Pari Opportunità dell’Ente rappresentata dalla presidente Tania Bonnici Castelli e l’Associazione “Uomini, donne ed eroi del mare” di Gabriele Fioravante  Palestini. Due testimonial d’eccezione, due giovani donne Stefania Tarquini e Carla Angelucci, teramana e ingegnera spaziale la prima,  chietina e maggiore pilota dell’Aereonautica la seconda (vedi note) accomunate da una straordinaria carriera in ambiti ancora prettamente maschili e dalla passione per il cielo e lo spazio.

Con loro, questa mattina, le Commissioni Pari Opportunità e le consigliere dei Comuni della costa salutate dalla comandante dell’Ufficio marittimo di Giulianova, la tenente di vascello, Daniela Sutera.

Un sentito riconoscimento per il lavoro svolto è stato formulato dal vicepresidente della Provincia, Luca Frangioni, a Tania Bonnici Castelli e a tutte le donne impegnate nelle istituzioni e nelle associazioni per le iniziative intraprese per far conoscere i servizi antiviolenza della Provincia che costituiscono, con i quattro sportelli sul territorio, un valido punto di riferimento per le donne vittime di violenza e i loro figli.

 

Per la vogata di domenica sono previsti punti di partenza in ogni comune a partire dalle ore10:

  • Martinsicuro -  Delfino Azzurro / Chalet Maria

 

  • Alba Adriatica - Circolo Nautico

 

  • Tortoreto - Nautica Massetti

 

  • Giulianova - Novavita / Europa / Don Juan

 

  • Roseto Azzurra -  Circolo Velico

 

  • Papenoo / Celommi

 

  • Pineto -  La Cambusa

 

  • Silvi -  Le Dune

 

 

Alla tradizionale vogata si aggiungono le iniziative collaterali – giochi d’acqua, animazione per i bambini etc etc – che le Amministrazioni comunali e le CPO stanno organizzando in collaborazione con i Circoli nautici e le associazioni che rappresentano gli sport acquatici.

A portare i saluti sono stati: Pietro Campanaro del Cicolo nautico “Migliori; Soccorsa Ciliberti per il Comune di Giulianova e Marilena Andreani per la locale CPO; Isabel Martegiani della CPO di Martinsicuro; Dolores Cimini consigliera comunale di Tortoreto; Simona di Felice, consigliera Comune di Roseto; Anna D’Amario della CPO di Pineto e Beta Costantini, consigliera del Comune di Silvi già consigliera delegata alle pari opportunità e all’antiviolenza della Provincia che è stata fra le promotrici della manifestazione sin dalla prima edizione. Per il Centro La Fenice è intervenuta l’avvocata Maria Teresa Salbitani.

Domenica, naturalmente,  ci saranno anche Stefania Tarquini e Carla Angelucci portate a mare da Gabriele Palestini.

 

Note biografiche

Stefania Tarquini Ingegnera spaziale 4.0  lavora dal 2013 come Spacecraft Operations Engineer In EUMETSAT, l'organizzazione intergovernativa europea per la gestione di satelliti meteorologici (www.eumetsat.int). Classe 1987, a soli 33 anni è stat la più giovane donna italiana con ruoli direttivi nel Metop (Meteorological Operational satellite programm), un rilevante progetto nato dalla collaborazione con l'ESA (l'Agenzia Spaziale Europea) nell'ambito di un ampio programma che coinvolge anche le agenzie americane Noaa e Nasa. Stefania ha contribuito al lancio del satellite Metop-C e ora si occupa di un progetto per terminare la vita operativa del satellite Metop-A senza lasciare detriti spaziali. Laureata al Politecnico di Milano in Ingegneria Spaziale nel 2012, ha frequentato il collegio universitario di merito Camplus Città Studi di Milano. L'anno scorso è stata nominata Cavaliere della Repubblica su iniziativa del presidente Mattarella.

 

Carla Angelucci classe 1983, tre lauree, è maggiore pilota dell’Aereonautica, unica donna istruttrice di volo per alianti, aerei e elicotteri. Una vera “top gun”. Per i suoi meriti (ha partecipato a numerose operazioni di soccorso anche in zone di guerra) è stata insignita della: croce d’argento per anzianita’ di servizio; medaglia militare aeronautica di lunga navigazione aerea di 2° grado (argento); croce commemorativa nazionale per la partecipazione ad operazioni di cooperazione al di fuori del territorio nazionale per la missione “inherent resolve in Iraq”; croce commemorativa per operazioni di pace; medaglia di merito americana - Air force achievement medal  per meritorius service dal Department of the air force of Usa; medaglia di benemerenza giubilare di argento del sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio.

 

 

 

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

1.0