Tu sei qui: Home Aree tematiche Sociale Centro Antiviolenza "La Fenice" Vetrina iniziative contro la violenza Teramo. "Convegno sulla tutela delle persone vulnerabili" promosso da Soroptimist.
Azioni sul documento

Teramo. "Convegno sulla tutela delle persone vulnerabili" promosso da Soroptimist.

creato da Servizio Civile Provincia di Teramo
Info
ultima modifica 28/05/2019 10:35

Il Club Soroptimist Teramo in collaborazione con illustri magistrati del Tribunale di Teramo e della Corte d'Appello de L'Aquila, nonchè di funzionari dell' Amministrazione Provinciale di Teramo e di docenti dell'Università di Teramo ha organizzato un convegno sulla tutela delle persone vulnerabili.

Si è appena concluso il convegno “La tutela delle persone vulnerabili” promosso dal Soroptimist International Club di Teramo nella sala delle lauree dell’università di Teramo. (27 maggio 2019).

Tra i presenti Stefania Nardini, presidente del Soroptimist Club di Teramo, Dino Mastrocola rettore dell’ateneo, il Prefetto di Teramo Graziella Patrizi e il sindaco Gianguido D’Alberto, Annapaola Di Dalmazio responsabile del servizio Pari Opportunità Centro Antiviolenza “la Fenice” e Casa rifugio “Casa Maia” ed esponenti dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Tribunale di Teramo e della Corte di Appello de L’Aquila. Ha coordinato Antonio Guerriero, Procuratore della Repubblica del Tribunale di Teramo.

Al termine del convegno è stata consegnata una valigetta kit antiviolenza per l’acquisizione audiovideo al Comandante Provinciale dei Carabinieri, il Colonnello Giorgio Naselli.

Nel corso del convegno il Sindaco Gianguido D’Alberto ha ricordato che è necessario “coinvolgere tutti i soggetti che possono dare una risposta al problema della tutela delle persone vulnerabili. La riduzione del perimetro della vulnerabilità è misura della qualità della democrazia”. Nel suo intervento ha spiegato Annapaola Di Dalmazio: “Il centro antiviolenza la Fenice  è un servizio gratuito e anonimo che offre alle donne che hanno subito violenze appoggio e consulenza psicologica e legale. Alla casa rifugio “Casa Maia” si può accedere ora anche in situazioni di emergenza e può ospitare fino a 3 nuclei con minori. Abbiamo avviato anche una collaborazione con i farmacisti per formarli ad avere un approccio empatico con una probabile vittima di violenza”.

Nella sua reazione “Persone vulnerabili e Giustizia Penale. Dai problemi verso le soluzioni”, Marco Pierdonati professore di diritto penale dell’ateneo ha spiegato: “Negli ultimi 10 anni, ovvero dalla legge sullo stalking, si è intervenuto per prevenire, reprimere e riparare le offese alle persone vulnerabili. Sono state aggiunte figure inedite di reato: lo stalking, i fenomeni di accattonaggio, l’adescamento dei minori. Lo scorso aprile si è ipotizzato di introdurre una legge sul Revenge porn mentre dal 18 maggio è stata approvata la legge sulla legittima difesa”.

 

 

Comunicato stampa a cura di Rosanna Scipioni del Club Soroptimist Teramo.

Allegati
— Classificato con: Aree tematiche:

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

1.2