Tu sei qui: Home Sala Stampa Soccorso acquatico: la Provincia sostiene il presidio stagionale dei Vigili del Fuoco. Ieri pomeriggio la firma della convenzione che consente di aumentare il livello di sorveglianza
Azioni sul documento

Soccorso acquatico: la Provincia sostiene il presidio stagionale dei Vigili del Fuoco. Ieri pomeriggio la firma della convenzione che consente di aumentare il livello di sorveglianza

creato da Ufficio Stampa
Info
pubblicato 06/07/2019 10:00

 


Teramo 6 luglio 2019. Dal 13 luglio al 15 settembre, tutti i fine settimana, sarà assicurato il servizio di sorveglianza e soccorso acquatico sulla costa teramana da parte dei Vigili del Fuoco con stazionamento nel centro polifunzionale di Roseto degli Abruzzi.


Il servizio viene garantito grazie al sostegno della Provincia che ha anticipato a questo scopo 9 mila euro e dei Comuni costieri ai quali è stata chiesta una compartecipazione: hanno già aderito con atti ufficiali Roseto, Tortoreto, Giulianova e Silvi ma hanno assicurato la loro disponibilità anche gli altri.

Ieri pomeriggio, in Prefettura, la firma ufficiale della convenzione da parte della prefetta Gabriella Patrizi, del delegato del Presidente, il consigliere Lanfranco Cardinale, del direttore regionale dei VV.FF Antonio Angelo Porcu e del comandante provinciale, Massimo Barboni. Era presente anche il maresciallo della Guardia Costiera, Matteo Palmieri.

Si tratta di garantire un servizio aggiuntivo e integrato rispetto a quanto viene normalmente garantito durante l’anno – dichiara Lanfranco Cardinale la Provincia si è fatta carico di anticipare la somma in maniera da assicurare l’avvio del progetto, ora sarà nostra cura predisporre gli atti per la compartecipazione dei Comuni. I tragici fatti delle ultime settimane ci richiamano ad un senso di responsabilità sottolineando la necessità di assicurare una maggiore e migliore sorveglianza lungo la costa e ringraziamo la disponibilità di Vigili del Fuoco e Guardia costiera che in una logica di collaborazione integrano così i servizi normalmente operati”.

L’iniziativa era già stata assunta negli anni passati e si era poi interrotta nel 2017.

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

1.33333333333