Tu sei qui: Home Sala Stampa Otto milioni e mezzo di finanziamento, otto Comuni delle aree interne e montane
Azioni sul documento

Otto milioni e mezzo di finanziamento, otto Comuni delle aree interne e montane

creato da Ufficio Stampa
Info
ultima modifica 27/05/2020 13:55

Il riscatto dopo i terremoti e il COVID passa attraverso un progetto di turismo integrato “Gran Sasso outdoor & benessere”.

Il riscatto delle aree interne e montane, dopo i terremoti e dopo il COVID, passa anche attraverso un progetto integrato che pesa 8 milioni e mezzo di euro, coinvolge 8 Comuni della provincia teramana e prevede interventi a favore del pubblico e contributi per le imprese private. I fondi sono quelli del 4% del sisma 2009 - destinati a iniziative di rilancio economico e sociale per i comuni del cratere teramano - che in questo caso sono stati declinati in chiave turistica.

 

Presentato questa mattina in Provincia il progetto “Gran Sasso Outdoor & Benessere” Comune capofila Colledara, enti locali partecipanti: Arsita, Castelli, Fano Adriano, Montorio al Vomano, Penna Sant’Andrea, Pietracamela, Tossicia.

 

Si tratta dei Comuni del Cratere sismico 2009 e i fondi sono quelli del programma Restart. “Ci lavoravano da tempo” ha dichiarato il sindaco di Colledara Manuele Tiberi presentando il progetto e poi lasciando la parola ai Sindaci che hanno avuto modo di illustrare le specifiche azioni dei Comuni: “lo abbiamo riconfigurato dopo l’emergenza COVID rafforzando tutti gli aspetti che favoriscono l’implementazione di attività sportive all’aperto e di quelle legate al benessere psico-fisico. Il punto di forza del progetto sta proprio nell’unità di intenti e obiettivi: la rete dei Comuni che partendo da Montorio, insieme,  hanno disegnato un raggiera di servizi e percorsi differenziando l’offerta in una chiave integrata”

 

Le necessità individuate dal programma:

1)    non pensare solo in logica di "ricostruzione" e di "imitazione";

2)    non fare strutture "nuove", ma recuperare, utilizzare e concepire in modo nuovo quello che si ha;

3)    prendere atto dei mutamenti della domanda, che chiede pienezza, intensità, nuove esperienze;

4)    migliorare la collaborazione tra gli attori pubblici e privati;

5)    limitare gli eccessi di domanda e "spalmarla" nel tempo e nello spazio;

6)    guardare ai vincoli (ambientali, normativi) come opportunità.

La visione elaborata è "contrastare il declino e lo spopolamento a partire dalla sua valorizzazione basata su un turismo esperienziale, attivo e sostenibile, nel rispetto della tutela e conservazione delle risorse territoriali".

L'idea forza: "In Abruzzo, nel cuore dell’Italia, ai piedi del maestoso massiccio del Gran Sasso, un territorio integro, dalla natura selvaggia e prepotente, custode di preziose testimonianze della civiltà pastorale e contadina che catturano l’anima del visitatore e ne sublimano l'esperienza di viaggio, offre attività outdoor e di scoperta all'insegna del benessere, della cultura e della sostenibilità".

 

SINTESI DEGLI INTERVENTI PUBBLICI E PRIVATI

 

A -  Infrastrutture per il turismo outdoor

Comuni interessati dagli interventi: Arsita, Castelli, Colledara, Fano Adriano, Montorio al Vomano, Penna Sant’Andrea, Tossicia.

  • A1 - Recupero della rete sentieristica attraverso miglioramenti della sicurezza, percorribilità e  fruibilità con l'obiettivo di collegare punti di interesse ambientale (8 interventi).
  • A2 - Allestimento di parchi avventura, con diversi livelli di difficoltà, che massimizzano l’esperienza a contatto con la natura (6 interventi).
  • A3 - Realizzazione di piste ciclabili per collegare strutture sportive e siti di interesse ambientale e culturale  e offrire una mobilità alternativa e sostenibile al turista (3 interventi).

B - Recupero attrattori storico/culturali e ambientali

Comuni interessati dagli interventi: Arsita, Colledara, Fano Adriano, Montorio al Vomano, Tossicia.

  • B1  - Recupero e rifunzionalizzazione in chiave culturale e didattica di strutture del patrimonio materiale  quali mulini, riqualificazione strutture museali esistenti, recupero delle chiese di montagna (6 interventi).
  • B2 - Realizzazione di oasi naturalistiche e forestali per attività didattico- pedagogiche con i diversamente abili attraverso il contatto con la natura e i suoi animali (2 interventi).

C - Servizi al turista e alla comunità

Comuni interessati dagli interventi: Arsita, Castelli, Colledara, Fano Adriano, Montorio al Vomano, Pietracamela, Tossicia.

  • C1 - Implementazione di servizi di accoglienza al turista con particolare riferimento a strutture all'aria aperta: rifugi, aree camper, aree sosta/picnic; aree campeggio (9 interventi).
  • C2 - Implementazione di servizi informativi, e-bike sharing e aggregazione giovanile (5 interventi).

 

Sotto il quadro sinottico delle operazioni per le aree di intervento A, B e C a titolarità pubblica.

 

D - Sostegno alle imprese turistiche

Comuni interessati dagli interventi: Arsita, Castelli, Colledara, Fano Adriano, Montorio al Vomano, penna Sant'Andrea, Pietracamela, Tossicia.

  • D1 - Sostegno alle imprese in regime de minimis per il potenziamento e qualificazione di ricettività extralberghiera, il rafforzamento e qualificazione delle strutture della ristorazione di qualità, il rafforzamento del sistema dei servizi turistici e culturali (24 imprese interessate).

E - Rete Gran Sasso Benessere

Comuni interessati dagli interventi: Arsita, Castelli, Colledara, Fano Adriano, Montorio al Vomano, Penna Sant'Andrea, Pietracamela, Tossicia.

  • E1 - Ideazione brand "Gran Sasso Benessere", attivazione di una rete degli operatori dell'area PIT, azioni di marketing territoriale (160 operatori coinvolti).

F - Promozione patrimonio immateriale

Comuni interessati dagli interventi: Arsita, Castelli, Colledara, Fano Adriano, Montorio al Vomano, Penna Sant'Andrea, Pietracamela, Tossicia.

  • F1 - Potenziamento del portale web Gran Sasso Intangible Culturale Heritage attraverso l'implementazione dell'inventario partecipativo,  del circuito delle esperienze turistiche e degli eventi.

G - Assistenza tecnica

Comuni interessati dagli interventi: Arsita, Castelli, Colledara, Fano Adriano, Montorio al Vomano, Penna Sant'Andrea, Pietracamela, Tossicia.

G1 - Ufficio Unico PIT Area Omogenea n°3 per coordinamento, gestione amministrativa e finanziaria, formazione e comunicazione.

archiviato sotto:

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

2.75
Ricerca
Cerca nei contenuti

Cerca persone e servizi