Tu sei qui: Home Agenzia Giovani Cittadini Europei Programmi Cultura 2007
Azioni sul documento

Cultura 2007 - 2013

creato da agenziagiovani
Info
ultima modifica 14/03/2007 12:05

Programma quadro per le azioni comunitarie nel settore della cultura. Il programma rientra nel settore "cultura - istruzione"

Obiettivi
1. L'obiettivo generale del programma è quello di contribuire alla valorizzazione di uno spazio culturale comune agli Europei sviluppando la cooperazione culturale tra i creatori, gli operatori culturali e le istituzioni culturali dei paesi partecipanti al programma, al fine di favorire l'emergere di una cittadinanza europea.
2. Gli obiettivi specifici del programma sono:
a) promuovere la mobilità transnazionale delle persone che lavorano nel settore culturale;
b) incoraggiare la circolazione transnazionale delle opere e dei prodotti artistici e culturali;
c) favorire il dialogo interculturale.

 
Tipologia di azioni
Gli obiettivi specifici del programma sono:

  1. Sostegno ad azioni culturali • I poli di cooperazione • Le azioni di cooperazione • Le azioni speciali
  2. Sostegno ad organismi attivi a livello europeo nel settore culturale, sostegno ad iniziative volte a preservare i principali siti ed archivi connessi con le deportazioni, in memoria delle quali sono stati eretti monumenti negli ex campi di concentramento ed in altri luoghi di martirio e di sterminio su larga scala di civili, e sostegno ad iniziative volte a conservare la memoria delle vittime in tali siti
  3. Sostegno a lavori d'analisi e alla raccolta e diffusione dell'informazione nel settore della cooperazione culturale.

 

Azioni previste per la realizzazione degli obiettivi

 

Azione 1 - Sostegno ad azioni culturali

Azione 1.1 - Poli di cooperazione
Il programma sostiene poli di cooperazione culturale duraturi e strutturati tra operatori culturali europei. Questo sostegno ha lo scopo di aiutare i poli nella fase di decollo e strutturazione o in quella di estensione geografica. Si tratta di incoraggiare i poli a crearsi basi durature e a raggiungere l'autonomia finanziaria. Ciascun polo deve essere costituito da almeno 6 operatori di 6 paesi diversi partecipanti al programma e può riunire operatori di uno o più settori attorno a diverse attività o progetti pluriennali, di natura settoriale o transsettoriale, che perseguano un obiettivo comune. Ciascun polo è inteso a realizzare numerose attività culturali strutturate e pluriennali. Queste attività devono essere attuate durante tutta la durata del finanziamento comunitario e devono rientrare in almeno due dei tre obiettivi specifici indicati.
Sarà data priorità ai poli intesi a sviluppare attività che rispondono ai tre obiettivi specifici.

 

Azione 1.2  - Azioni di cooperazione
Il programma sostiene azioni di cooperazione culturale di natura settoriale o transsettoriale tra operatori europei. In esse dovrà prevalere l'aspetto della creatività e dell'innovazione. Verranno particolarmente incoraggiate le azioni intese ad esplorare possibilità di cooperazione da sviluppare in un periodo più lungo. Ogni azione deve essere concepita e realizzata in partenariato da almeno 4 operatori culturali di 3 paesi partecipanti diversi; gli operatori possono essere di uno o di più settori.

 

Azione 1.3 - Azioni speciali
Sono speciali le azioni che presentano una dimensione e una portata rilevanti, hanno una risonanza significativa presso i popoli dell'Europa e contribuiscono a una migliore presa di coscienza dell'appartenenza ad una stessa comunità, alla sensibilizzazione alla diversità culturale degli Stati membri e al dialogo interculturale ed internazionale. Esse devono rientrare in almeno due dei tre obiettivi specifici indicati.
Queste azioni speciali contribuiscono altresì a rendere più visibile l'azione culturale comunitaria e ad aumentare l'influenza culturale del nostro continente.
Potranno essere sostenute come "azioni speciali" le assegnazioni di premi che, mettendo in luce artisti, opere o realizzazioni culturali o artistiche e facendoli conoscere al di là delle frontiere nazionali, favoriscono la mobilità e gli scambi. In tale contesto sarà accordato un sostegno significativo anche alle "Capitali europee della cultura" per contribuire all'attuazione di attività che mettano l'accento sulla visibilità europea e sulla cooperazione culturale transeuropea.

 

Azione 2 - Sostegno ad organismi attivi a livello europeo nel settore della cultura

 

Azione 2.1  - Sostegno al funzionamento di organizzazioni d'interesse culturale europeo

Azione 2.2 - Sostegno ad iniziative volte a preservare i principali siti ed archivi connessi con le deportazioni

 

Azione 3 - Sostegno a lavori d'analisi e alla raccolta/diffusione dell'informazione sulla cooperazione culturale

 

Azione 3.1  - studi e di lavori d'analisi nel settore della cooperazione culturale
Questo sostegno ha lo scopo di aumentare il volume di informazioni e dati numerici riguardanti la cooperazione culturale su scala europea, in particolare per quanto riguarda la mobilità degli operatori della cultura, la circolazione delle opere d'arte e dei prodotti artistici e culturali ed il dialogo interculturale. In tale contesto potranno essere sostenuti gli studi e i lavori d'analisi che contribuiscono ad arricchire la conoscenza del fenomeno della cooperazione culturale transeuropea e a creare un ambiente propizio al suo sviluppo. I progetti che mirano alla raccolta e all'analisi di dati statistici dovranno essere particolarmente incoraggiati.

Azione 3.2  - Sostegno alla raccolta e alla diffusione dell'informazione nel settore della cooperazione culturale
La raccolta e la diffusione dell'informazione attraverso la concezione di uno strumento Internet adeguato alle necessità dei professionisti della cultura nel settore della cooperazione culturale transeuropea. Lo strumento deve permettere lo scambio di esperienze e di buone prassi, la diffusione di informazioni riguardanti il programma culturale nonché la cooperazione culturale transeuropea in senso lato.

 

Azione 3.3 - Sostegno ai punti di contatto Cultura
Per garantire una diffusione mirata ed efficace di informazioni pratiche riguardanti il programma, quest'ultimo prevede il sostegno di "punti di contatto Cultura" vicini ai beneficiari. Questi organi, che operano a livello nazionale, sono istituiti dalla Commissione in collaborazione con gli Stati membri e su base volontaria.

I punti di contatto Cultura hanno il compito di:

  • garantire la promozione del programma
  • agevolare l'accesso al programma e incoraggiare la partecipazione del maggior numero possibile di professionisti e di operatori culturali grazie ad una diffusione effettiva delle informazioni
  • garantire un contatto permanente con le diverse istituzioni che sostengono il settore culturale negli Stati membri, contribuendo in tal modo alla complementarità tra le azioni del programma e le misure di sostegno nazionali
  • garantire, al livello appropriato, l'informazione e il contatto tra i soggetti che partecipano al programma e ad altri programmi comunitari accessibili ai progetti culturali.

 


Soggetti ammissibili

  • Centri di ricerca
  • Imprese
  • Università
  • Associazioni culturali
  • Fondazioni
  • Associazioni
  • Pubbliche amministrazioni

 

 
Dotazione finanziaria del Programma

La dotazione finanziaria per l'esecuzione del programma è di 408 milioni di euro.

 
Modalità di Partecipazione

Il programma è attuato, a seconda della tipologia di azione, attraverso inviti a presentare proposte. 

 
Riferimenti Normativi

DECISIONE N. 1903/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 dicembre 2006 

Contatti

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

2.21428571429
Ricerca
Cerca nei contenuti

Cerca persone e servizi